Pizza babà.

standard 10 giugno 2014 8 responses
Oggi vi presento una gustosa focaccia rustica che ricorda per la sua morbidezza il mitico babà napoletano. Tra l’altro è un focaccia di quelle svuota frigo infatti per il ripieno vi potete dilettare secondo i vostri gusti e le vostre disponibilità. Unico accorgimento è di evitare nel ripieno l’uso di liquidi e  salse e di stratificare per bene il salame ed il formaggio per facilitarne la chiusura . Si prepara velocemente grazie all’aiuto del frullino elettrico che vi consiglio di usare a bassa velocità in quanto non bisogna assolutamente montare troppo il composto altrimenti si formeranno delle bolle che andranno a creare una crosta poco omogenea. Per il resto date spazio alla vostra fantasia, percio’ per le farciture vanno benissimo anche le verdure grigliate , i formaggi di tutti i tipi, il pomodoro, i funghi, il tonno sgocciolato e tutte le tipologie di salame. Ottima idea per pranzi a sacco e pic nic o per chi vuole regalarsi una cena ricca e gustosa. Eccovi la ricetta e poi fatemi sapere che farcitura preferite.

Pizza
babà.
 (versione con prosciutto cotto, galbani, bacon e taleggio)
Ingredienti per una teglia con diametro 20-22cm.

  • 200 g di farina “00”
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro
  • 2 uova grandi
  • 100 g di burro
  • 250 ml di latte
  • ½  lievito di birra
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale

Farcitura

  • 6 fette di bacon (oppure salame)
  • 6 fette di prosciutto cotto
  • 7-8 fette di formaggio galbani
  • 100 g di taleggio ( a piacere)
  • 100 g di funghi trifolati ( a piacere)
  • Pepe creola

Preparazione
Sciogliere a bagnomaria o in microonde il burro e tenere
da parte per lasciarlo intiepidire. In una ciotola capiente versare le 2 uova
sgusciate, il latte, lo zucchero ed il sale ed amalgamare il tutto con l’aiuto
di un frullino elettrico a bassa velocità. Sbriciolare all’interno della
ciotola il lievito e mescolare per permettere che si sciolga .   Miscelare la farina con la semola e poi
aggiungerla un po’ per volta nella ciotola lavorando sempre con il frullino
elettrico. Alla fine aggiungere a filo il burro e lavorare l’impasto finchè il
burro non è stato tutto assorbito. Otterrete così un impasto piuttosto cremoso
che va versato per metà in una teglia imburrata ed infarinata. Farcire con
fette di formaggio galbani, prosciutto,  bacon, funghi trifolati, taleggio, pepe. Se non gradite i funghi potete
aggiungere dei pomodori da insalata tagliati a fette che a mio avviso rendono
ancor piu’ umida la pizza. Coprire con l’altra metà dell’impasto livellando per
bene  con l’aiuto di una spatola. Lasciar
lievitare almeno 2-3 ore poi cuocere in forno caldo a 180°C per circa 35 minuti
e fino a quando la pizza non si sarà dorata . Una volta pronta lasciarla
intiepidire e poi servire a tranci. Questo è solo un esempio di farcitura ma
voi potete farne altri di vostro gradimento purchè siate attenti nel livellare
e distribuire per bene i vari ingredienti .
(Versione con funghi trifolati, ventricina, prosciutto cotto e scamorza affumicata .)
Con questa ricetta partecipo alla raccolta

Mostarda di arance e cipollotti di Acquaviva.

standard 15 maggio 2014 7 responses
Oggi vi voglio parlare di questa ricettina che mi è stata consigliata da una amica appassionata come me di cucina . Mercoledì scorso ero ancora a Parma ed ho incontrato dopo anni  una mia amica di scuola e di gioventù.  Nel dopocena parlando del piu’ e del meno è venuto fuori l’argomento cucina. Scintille e stelline perchè anche lei è una appassionata di buona cucina e sta frequentando un corso professionale di aiuto cuoco. Ne è seguita una lunga e piacevole conversazione serale che è riuscita anche a lenire la stanchezza delle giornate di fiera. Tra le tante cose che ci siamo raccontati lei mi ha parlato di questa mostarda di arance e cipolle che subito mi ha incuriosito e non ho fatto altro che chiederle la ricetta. A distanza di 24 ore lei mi ha inviato un messaggio con la ricetta e la sua preparazione. Ero così curioso che non ho resistito piu’ di tanto,  infatti giovedì ho comprato ciò che mi serviva e poi venerdì sera l’ho preparata. Non vi dico il profumo che si è diffuso per casa! Dire soddisfatto e dire poco. Una delizia da abbinare con i formaggi e con del buon pane scuro caldo. Come sempre ho cercato di dare una mia interpretazione alla ricetta originale percio’ ho sostituito le cipolle bianche con i cipollotti freschi di Acquaviva a cui ho aggiunto anche 1 cipolla ramata , ho aggiunto un pezzetino di zenzero , un po’ di cardamomo e 1 chiodo di garofano per conferire alla mostarda aromaticità e vivacità. Ho ridotto di poco l’aceto perchè volevo attenuare la nota acidula che la sua aggiunta avrebbe conferito alla mostarda. Risultato finale ……un nettare delizioso, aromatico, coinvolgente che ti prende per la gola. Grazie alla mia amica Mina per avermi dato questa ricetta ed a cui dedico questo mio post.

Read More

Il Benedetto….barese e Buona Pasqua a Tutti!!

standard 20 aprile 2014 3 responses
Oggi voglio riportarvi indietro nel tempo, un deja vu piacevole nella tradizione barese. Su tutte le tavole baresi oggi non puo’ mancare il Benedetto o meglio conosciuto come “U beneditte”. Non è altro che una sorta di antipasto pasquale che veniva preparato il giorno del pranzo di Pasqua quando il capofamiglia impartiva una sorta di benedizione con un ramoscello d’ulivo sia sul cibo che sui commensali. Un gesto ed una ritualità che augurava a tutti una nuova vita piena di pace e di serenità ma piu’ di tutto,  si benediceva il cibo e la sua abbondanza . Una tradizione che oggi ho voluto ricordare preparandolo anche per il mio pranzo pasquale. La tradizione vuole un grande piatto unico da cui tutti dovevano mangiare la soppressata, l’arancia, l’uovo sodo ed i carciofi fritti. Negli anni questo piatto si è arricchito di altri elementi della cucina pugliese come per esempio la ricotta di pecora o il formaggio fresco, i tarallini scaldati, le olive baresane, il pomodoro e la rucola,  ovviamente il tutto condito con l’immancabile goccio di olio extravergine di oliva.Con questo piatto auguro a voi tutti una Santa e Serena Pasqua piena di pace. Questa la mia interpretazione.

Il Benedetto

Ingredienti per 4 persone
4 fette di arancia 
4 olive verdi denocciolate
4 fette di salame napoli o soppressata
4 fette di uovo sodo
4 fette di formaggio fresco o ricotta
4 fette rotonde di pane per tramezzini
2 pomodorini a fette sottili
olio extravergine di oliva 
sale 
pepe creola
Preparazione
Coppare le fette di pane per tramezzino e poi tostarle leggermente  su di una padella calda.
Assemblare il tutto partendo dal pane su cui va disposta 1 fetta di salsiccia tipo napoli, 1 fetta di arancia, delle foglioline di rucola, una fetta di formaggio fresco, delle fette di pomodoro, un pizzico di sale, un goccio di olio extravergine di oliva, pepe creola, una fetta di uovo sodo, un oliva verde denocciolata. Bloccare il tutto con uno stuzzicadenti. Servire in un piatto con rucola, alcune fette di arancia, uovo sodo, tarallini scaldati , qualche fetta di formaggio fresco,  fette di salsiccia e taralli scaldati.  Buona Pasqua a tutti!!

Sformatino di asparagi selvatici.

standard 7 aprile 2014 6 responses
Questo è sicuramente il periodo migliore per farsi una bella passeggiata in campagna alla ricerca degli asparagi selvatici. Almeno dal mie parti sulle murge baresi ce ne sono in buona quantità anche se non è sempre facile sia trovarli che raccoglierli, i rovi pungono e come pungono! Comunque l’impresa ne vale proprio la pena affrontarla,  perchè oltre alla piacevole passeggiata ci si ricompensa a casa realizzando gustosissime pietanze. In questo periodo ho preparato di tutto dal risotto alla quiche rustica,  ma oggi vi voglio presentare un piatto semplice per una cena gustosa e completa . Io mi son divertito a realizzare uno sformatino di asparagi abbastanza speziato cercando di conferire gusto ed equilibrio nei sapori. Questa la mia proposta.

Read More

Crema di carciofi.

standard 25 marzo 2014 11 responses
E’ vero sono un po’ latitante dal blog quest’ultimo periodo perchè’ sono  troppo indaffarato tra lavoro e famiglia,  tanto da trascurare un po’ il mio amato blog. Complice anche la mia dieta,  a casa oramai si sperimenta poco ma il fine settimana qualcosina la preparo e di conseguenza la mangio e la faccio anche mangiare a tutto il resto della ciurma. Oggi voglio lasciarvi questa ricettina semplice e gustosa che vi consiglio di preparare perchè è troppo buona ed invitante . Si tratta di una meravigliosa crema di carciofi,  realizzata con pochi e buoni ingredienti che potrete usare per condire crostini o farcire pan brioche , preparare ottime tartine e tutto cio’ che vi viviene in mente. Questa crema si presta a numerosi abbinamenti,  ma io la preferisco al naturale e ben fredda, specie sul pane leggermente tostato e caldo. Volendo,  potete anche  metterla nei vasetti e dopo opportuna sterilizzazione a bagnomaria,  potrete conservarla a lungo in dispensa. Questa è la mia versione e non è detto che sia l’unica, percio’ se avete idee in merito fatemelo sapere, anche perchè in cucina,  come nella vita,  non si finisce mai d’imparare.

Read More

CONSIGLIA Insalata di farro e avocado