Focaccia con cipolle di Acquaviva.

standard 3 ottobre 2016 3 responses

Riprende l’iniziativa #scambiamociunaricetta,  un appuntamento a cui ci tengo moltissimo perchè offre la possibilità di conoscere nuovi amici blogger e tante nuove ricette. Un ringraziamento particolare lo vorrei fare a Jessica di Fraia e Valeria Valdambrini che  hanno ideato questo contest mensile. L’abbinamento di Settembre mi ha portato a scoprire il Blog di Terry “I pasticci di Terry” pieno di tantissime ricette interessanti dove la sua predilezione per i lievitati,  permette di avere una sezione molto nutrita di lievitati dolci e salati ma non solo…C’è veramente l’imbarazzo della scelta. Terry ama moltissimo impastare ed usa frequentemente il lievito madre,  percio’ se siete alla ricerca di ricette dove sperimentare il vostro lievito madre andate pure a sbirciare . Per restare in tema di lievitati ho deciso di replicare a mio modo la focaccia con cipolle di Terry, un omaggio alla Puglia ed ai sui prodotti ed alle sue tradizioni. Non siamo in periodo di sponsali percio’ ho pensato di usare le cipolle di Acquaviva. Di questa focaccia o calzone di cipolle ci sono numerosissime varianti e ogni paese ha una farcitura diversa secondo le proprie tradizioni.  C’è chi usa solo cipolle e olive, chi aggiunge qualche pomodorino e ricotta forte, chi le acciughe , chi i capperi e l’uvetta sultanina e addirittura qualche fetta di mortadella. Io ho scelto una farcitura simile a quella del calzone coratino. Per l’impasto ci sono almeno 2 scuole di pensiero ovvero chi preferisce la pasta lievitata e chi la frolla al vino. Sono buone entrambi. Eccovi la mia versione,  ma vi consiglio di passare da Terry dove ci sono tante buone leccornie da sperimentare.

Focaccia con cipolle di Acquaviva.

img_8363

Ingredienti per una teglia di diametro 32-34 cm.

  • 300 g di farina tipo 1
  • 200 g di semola rimacinata di grano duro
  • 300 g circa di acqua a temperatura ambiente
  • 40 g di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiaini scarsi di sale
  • ¼ di panetto di lievito di birra

Per la farcitura

  • 1,5 kg di cipolle di Acquaviva
  • 150 g di olive nere denocciolate
  • 5 filetti di acciughe sotto sale
  • 2 cucchiai di uvetta sultanina
  • 4 pomodorini
  • Sale e pepe q.b.

 

Preparazione

Versare nella ciotola dell’impastatrice la farina e la semola rimacinata precedentemente setacciate,  poi aggiungere lo zucchero e 270 g di acqua in cui avrete sciolto il lievito di birra. Aggiungere successivamente a filo l’olio extravergine di oliva e per ultimo il sale sciolto nella restante acqua. Lavorare l’impasto per circa 10 minuti. Versare l’impasto su di un piano infarinato,  lavorarlo brevemente con le mani tanto da conferire una forma a palla. Sistemare l’impasto in una ciotola leggermente unta di olio e coprire con pellicola alimentare. Lasciare a temperatura ambiente per 30 minuti e poi sistemare in frigorifero dove resterà per tutta la notte. Per la farcitura iniziare mondando e pulendo le cipolle che andranno poi tagliate a fette sottili. In una padella versare un generoso filo d’olio extravergine e poi  le cipolle che andranno brasate a fuoco lento per circa 20- 25 minuti avendo cura di aggiungere un mezzo bicchiere di acqua evitando che si asciughino. A metà cottura possiamo aggiungere anche i filetti di pomodoro debitamente privati di buccia e semi. Salare a piacimento ed aggiungere anche del pepe creola. Terminata la loro cottura lasciarle raffreddare.  Versare in una ciotola le cipolle brasate, aggiungere le olive tagliate a rondelle o a pezzi, l’uvetta sultanina e le acciughe a pezzettini ed una generosa macinata di pepe creola. Mescolare il tutto e controllare la sapidità e se necessario aggiungere ancora un po’ di sale. Al mattino togliere l’impasto dal frigorifero e lasciarlo a temperatura ambiente per circa 2 ore  lasciando raddoppiare il suo volume. Tagliare in 2 parti l’impasto e formare 2 dischi. Ungere una teglia con olio extravergine di oliva e rivestire con un disco di pasta, distribuire la farcitura e poi chiudere con l’altro disco d’ impasto,  avendo cura di chiudere i bordi creando un cordoncino. Bucherellare con i rebbi di una forchetta la superficie della focaccia e poi spennellare dell’olio extravergine di oliva. Lasciar lievitare in forno con la sola lucina accesa per circa 1 ora. Riscaldare il forno a 230 °C . Prima di infornare la focaccia,  ungere nuovamente la superficie con olio extravergine e poi cuocere in forno caldo statico per circa 25-30 minuti e fino a quando non si noterà una bella doratura uniforme. Togliere dal forno e lasciar intiepidire,  poi trasferire la focaccia su di una gratella evitando che si formi condensa sul fondo della teglia. Servire tiepida o fredda meglio se viene consumata il giorno seguente in quanto i sapori si fondono ancor di piu’ tra loro.

img_8345

img_8350

cipolla

(immagine da web) Queste sono le cipolle rosse di Acquaviva.

Con questa ricetta partecipo allo #scambiamociunaricetta di settembre by  Le Bloggaline.

 #scambioricette #scambiamociunaricetta #bloggalline #notortemosce

Related Posts

3 responses

  • Ma bravo bravo bravo!!! Ottima anche la tua versione. Non conosco queste cipolle ma le ho viste in alcuni blog pugliesi. Sarei curiosa di assaggiarle, credo siano particolarmente dolci. Bravissimo davvero, non sai cosa darei per averne qui una fetta adesso! Ti ringrazio per i complimenti al mio blog. Anche da te ci sono ottime ricette. A presto e grazie ancora.

  • Ida

    Buonasera volevo cheliederle con queste dosi di impasto che dimensione era la teglia di pizza che ha usato? Ancora complimenti per il suo blog

  • Leave a Response

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLIA Funghi fritti