Reportage Salone del Gusto.

standard 30 ottobre 2012 6 responses
Finalmente sono riuscito a preparare un po’ di collage delle foto piu’ rappresentative del salone del gusto che si è appena concluso a Torino. Un edizione che ha visto protagoniste le eccellenze d’Italia e del Mondo e tutto il pubblico di esperti, curiosi, addetti ai lavori, cercatori di rarità , nostalgici della propria terra, ristoratori, chef, gourmet, buone forchette, salutisti e chi piu’ ne ha,  piu’ ne metta. C’è stata una partecipazione giornaliera di pubblico incredibile ed ancor piu’ strabiliante è stato l’interesse e la curiosità con cui la maggior parte di loro si avvicinava ad ogni singolo prodotto.E’ inutile spiegarlo , è una iniziativa da vivere per poterne percepire l’intensità. Carlo Petrini, patron di slow food,  ha definito il Salone del Gusto “come un occasione per scoprire alimenti, persone e storie da cui farsi affascinare” in effetti  l’evento fieristico centra a pieno questo obiettivo. Non ci sono parole sufficienti per descrivere la moltitudine di colori , sapori e profumi che si percepiscono girando per i vari stand, per non parlare della voglia di assaggiare e comprare tutto cio’ che si vede.L’Italia del cibo e dei sui prodotti tipici è rappresentata da tutte le regioni che espongono le eccellenze del territorio dove ad esse si aggiungono gli oltre 200 presidi slow food di tutta la nostra penisola. Il nostro sud è fortemente presente con un gran numero non solo di presidi slow food, ma con tante micro eccelenze . Direi proprio che non è il caso di aggiungere null’altro,  perchè a parlare saranno le immagini.
Cosa ne pensate? Vi posso garantire che per quanto le foto possano essere belle e rappresentative , cio’ che non si riesce a trasmettere sono altre sensazioni che si percepiscono vivendo il Salone del Gusto, fateci un pensierino ed inziate ad organizzarvi per la prossima edizione,  per noi appassionati del buon cibo è un evento da non perdere.

Related Posts

6 responses

CONSIGLIA Coscia di coniglio e cavolini di Bruxelles cotti a bassa temperatura