Torta fritta di Parma….

standard 11 maggio 2012 3 responses

What is it?……..
Sì parto da questa domanda perchè è stata l’ispiratrice di questo mio post appena tornato fresco, fresco dal Cibus di Parma.E’ inutile ribadirlo ma quando si esce fuori dalla propria regione bisogna scegliere dal punto di vista gastronomico i luoghi piu’ tipici che ancora riprongono le ricette della tradizione locale ed i relativi prodotti autoctoni. Questo non solo ci fà conoscere meglio la città , la regione che ci ospita ma sicuramente ci offre una scelta gastronomica garantita, sicura (almeno questa è la mia esperienza). Questo piccolo preambolo per raccontarvi di una cena in quel di Parma in una rinomata trattoria che ci ha accolti in un ambiente apparentemente buio , dal gusto un po’ retrò infatti c’erano cimeli di vario genere,  ma subito ci ha fatto capire il suo caratttere in quanto all’entrata imperava una finestrona che mostrava le cucine con affaccendati chef che si dedicavano alla preparazione dei numerosi piatti proposti.Ma quello che piu’ di tutto colpiva era un vecchio tavolo su cui erano riposti  un piattone di salumi e una grossa cesta di torta fritta.Dire invitanti è veramente poco…infatti ci si poteva intrattenere con questa entrée in caso di attesa per  il tavolo.A completare il tutto poi c’erano numerosi piatti di tortelli e pasta fresca che ti suggerivano già qualche idea da scegliere dal menu’.
Ma veniamo a noi…perchè questa domanda curiosa che dà il titolo a questo post?Perchè con noi a cena c’erano degli italo americani , gioviali, molto sorridenti , curiosi ed alla vista delle ceste di torta fritta ci hanno chiesto cosa fosse quella nuvola , gonfissima di pasta fritta , nicola una nostro amico si è sforzato con quel po’ di inglese che conosceva di tradurre e spiegare cosa fossero ….secondo voi?Sono empty panzerotti e per noi pugliesi “cucuicchie”una risata generale di tutti al tavolo ma vi posso garantire che i nostri commensali americani hanno gradito  e pure tanto questi mitici empty panzerotti!Questa torta fritta era strepitosa per accompagnare i salumi percio’ mi sono fatto dare la ricetta almeno posso rifarli a casa.Questa torta fritta parmense non è altro che un impasto tipo pasta di pane lievitata e poi fritta, da noi in puglia si chiamno panzerotti o cucuicchie, si possono realizzare vuoti  o farciti, fritti o al forno,altri li chiamano calzoni, gnocco fritto, pizza fritta, simili sono anche le pittole o pettole leccesi .A voi la ricettina:

Torta Fritta

1 Kg di farina 00
470 ml di acqua tiepida o latte
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di zucchero
1 cubetto di lievito di birra
strutto per la frittura

Preparazione:

Sciogliere in un bicchiere di latte tiepido o di acqua tiepida il panetto di lievito di birra e poi aggiungere lo zucchero, rimescolare il tutto fino a quando non si formerà una schiuma in superficie.
Nella planetaria o nel bimby o sulla spianatoia versare la farina setacciandola, il sale, versare l’olio extravergine di oliva, il lievito sciolto e la restante acqua o latte per impastare.Lavorare il tutto per alcuni minuti , versare in una coppa e lasciar lievitare per un paio di ore. Stendere la pasta ad uno spessore di circa 3-4 mm, tagliare a quadrati e poi friggere possibilmente in una padella capiente in cui avremo fatto sciogliere un panetto di strutto oppure si puo’ usare l’olio extravergine di oliva.Lasciar dorare da ambo i lati , scolarla e riporla su carta assorbente e la nostra torta  fritta  è pronta per essere gustata calda .A voi una foto moolto invitante.

Related Posts

3 responses

  • Anonimo

    le la faccio anche ripiena cioè faccio dei ravioli ripieni con caciotta fresca e prosciuttocrudo o salsiccia o ciauscolo o lonza !!! Pio li friggo in olio di arachidi !!!

  • Grazie mille per la ricetta! Mia nonna la faceva sempre quando ero piccola e ne vado pazza! Ho usato questa ricetta ormai già due volte, usando l'"active dry yeast" che si trova qui in America ed è venuta una favola… papà dice anche meglio di quella della nonna!! 😉

  • Leave a Response

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLIA Hamburger